L'assemblea della biblioteca

giovedì 11 maggio 2017

IMG_0249

 

IMG_0227 assemblea della bibliotecaUn gruppo di amici della biblioteca intitolato a Benjamin Dezulian, il giovane scomparso tragicamente nelle forre del Travignolo e “grande amico della biblioteca” è stata una delle proposte che Francesco Morandini, responsabile della biblioteca comunale di Predazzo, ha formulato nel corso dell’assemblea “degli utenti della biblioteca degli amici, degli ospiti e dei cittadini di Predazzo” che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula magna del municipio di Predazzo alla presenza di una quarantina di persone tra cui l’ex assessore alla cultura Lucio Dellasega e il nuovo responsabile del settore cultura Giovanni Aderenti. Il giovane “Ben” è stato ricordato con le foto della sua attività di volontario della biblioteca e del mercatino del libro che scorrevano sullo schermo prima dell’incontro. Un momento di commozione sottolineato dalle parole del responsabile e dei due assessori che hanno preceduto la dettagliata presentazione con slide, grafici e cifre dell’attività della biblioteca nel 2016. “La biblioteca oggi: per gettare le basi della biblioteca del futuro” era il titolo della serata, uno sguardo su ciò che la biblioteca sta fa facendo per immaginare quella biblioteca “sociale” che sorgerà, comprendendola, a fianco della vecchia stazione del trenino della valle di Fiemme. La seconda parte della serata è stata dedicata alla presentazione del percorso di avvicinamento alla nuova biblioteca che il responsabile ha tracciato con una serie di slide a partire dalla scelta della Comunità di valle di finanziare l’opera con i Fondi Unici Territoriali fino al progetto “la biblioteca che vorrei” con la mostra sulle biblioteche di tutto il mondo, gli incontri con l’esperta e consulente dell’amministrazione comunale Antonella Agnoli e i risultati della “visione” degli utenti. L’assessore Aderenti ha ricordato le prossime tappe: la definizione entro il mese del progetto esecutivo da parte dell’architetto Paolo Chiocchetti affidata alla supervisione di una commissione comunale per definire alcune criticità architettoniche emerse fra i consiglieri comunali e in seguito l’approfondimento dei contenuti e dei servizi della nuova struttura con la dottoressa Agnoli e il personale della biblioteca. “Già ora ci stiamo muovendo in direzione di una biblioteca sociale” ha ricordato il responsabile “una biblioteca del fare e di servizio ai cittadini, ma anche un luogo dove è bello starci”. Oltre a fotocopie, stampe, scansioni, fax ed altri servizi di consulenza da oggi in biblioteca si potrà anche stampare in 3D. Molta la curiosità sulla nuova biblioteca che, ha spiegato Francesco Morandini, dovrà avere il massimo dell’innovazione tecnologica in campo biblioteconomico, per non partire già vecchia. L’autoprestito sarà una di queste. L’incontro si è concluso con il taglio della torta a forma di libro su cui campeggiava “W la biblioteca e i suoi amici” preparata da Mandacarù, che è stato affidato a Lucio Dellasega per 7 anni assessore alle attività culturali prima di lasciare per ragioni di salute. Al nuovo assessore Giovanni Aderenti e al personale della biblioteca che è stato ringraziato assieme ai volontari e stagisti (di cui è stata sottolineata la preziosissima collaborazione) il compito, non facile, di concretizzare i contenuti della nuova biblioteca che forse d’ora in poi sarà solo “La stazione”. Un luogo da immaginare assieme a tutta la popolazione di Predazzo.

immagine PDF

relazione 2016